Come addestrare un cane da tartufo

di | 30 Giugno 2024

Il cane ha una capacità olfattiva straordinaria, legata alla conformazione della canna nasale in cui ci sono circa 200 milioni di recettori olfattivi.

Tutte le razze possono essere addestrate a cercare tartufi, ma ce ne sono alcune che sono più predisposte a imparare a cercare il tartufo come il pointer, il lagotto romagnolo, il bracco, il setter e il cocker.

addestramento cane da tartufo

I cani da caccia e i meticci sono quelli che più si divertono a fare questo tipo di attività. È importante scegliere una razza curiosa, dinamica, interessata agli odori, che sia equilibrata e collaborativa.

Quando addestrare il cane al tartufo?

Quando si tratta di addestrare un cane, in linea di massima è preferibile scegliere dei cuccioli perché non hanno ancora sviluppato la loro personalità, né l’istinto di territorialità, e quindi sono più propensi ad ascoltare e a seguire le regole.

Questo non vuol dire che non è possibile addestrare un cane adulto, l’importante è utilizzare i metodi giusti e rispettare i tempi di apprendimento. Comunque, l’età preferibile in cui avvicinare il proprio cane ai primi giochi educativi, è verso i 5-6 mesi, prima che entri nella fase adulta.

Consigli utili per addestrare un cane

L’addestramento del cane per un qualsiasi lavoro non deve essere una costrizione, è importante che l’animale viva il tutto come un momento di gioco e di esperienza condivisa con il proprio padrone. In particolare, se è cucciolo, bisogna farlo divertire, motivarlo e soddisfare i suoi bisogni.

Affinché l’addestramento canino sia efficace bisogna:

  • Fare sessioni di addestramento brevi (10-15 minuti) in modo che il cane non si annoi o perda interesse;
  • Adottare un atteggiamento di complicità e autorità. Il cane deve percepire la richiesta di collaborazione durante l’attività e non solo di obbedienza. Il rapporto deve essere alla pari.
  • Utilizzare il rinforzo positivo premiando il cane quando fa una cosa corretta, evitando di sgridarlo se sbaglia. Lo scopo è farlo focalizzare sulla ricompensa che otterrà portando a termine un determinato compito.

Addestrare il cane a tartufi

Devi tenere ben a mente le regole generali sopracitate che devono essere la base del tuo addestramento al tartufo. Vediamo alcune delle tecniche che puoi utilizzare.

Straccio profumato

Devi prendere un tartufo e strofinarlo su uno straccio in modo che si impregni dell’odore. Dopodiché annodalo e trasformalo in un gioco con cui fare “tira e molla”. Durante l’attività devi fare molta forza, non lasciar vincere subito il tuo amico fido.

Lo scopo è quello di fargli percepire quel tessuto odoroso come un qualcosa di molto prezioso. In questo modo, quando riuscirà ad ottenerlo, si sentirà molto soddisfatto e avrà appreso che quando sentirà quell’odore, avrà trovato una cosa molto importante.

Ovetto e scavo

Inserisci un tartufo all’interno di un piccolo contenitore metallico e poi posizionalo per terra. Durante la ricerca, il cane riconoscerà l’odore del tartufo, che avrà appreso dal gioco precedente, e imparerà a prenderlo e portarlo senza masticarlo.

L’ultimo passaggio è quello di prendere l’ovetto è sotterrarlo, mostrando al cane quello che stai facendo e poi impartirgli il comando di scavo. Quando il cane avrà imparato questi giochi, puoi provare a fare la prima passeggiata nella natura alla ricerca di tartufo.

Ricorda, in tutti i casi, quando il cane compie correttamente l’azione richiesta, premialo che sia con delle carezze o con un bocconcino.

Lascia un commento